Crea sito

YIN E YANG

YIN E YANG

L’antica filosofia cinese si basa sulla convinzione che esistano due forze opposte ma complementari – yin e yang – che insieme formano un tutto equilibrato. Lo yin è la forza più passiva, conservatrice; lo yang quella più positiva, fiduciosa. L’intero sistema di comprensione del mondo, inclusa la scienza medica, si svolgeva in termini di yin e yang.
La prima stesura di un sistema comprensibile di sintomi e trattamenti basato sui principi di yin e yang si deve a Chang Chung-ching, nel 200 d.C., e ancora oggi la medicina tradizionale cinese continua a basarsi su quegli stessi canoni.
Secondo questa teoria, la malattia è considerata come la conseguenza di uno squilibrio tra yin e yang nell’individuo. Il trattamento non è quindi rivolto ai sintomi, bensì cerca di rafforzare o di ristabilire quella, delle due energie, che in quel momento risulta più debole o che è in difetto. Prima dell’inizio della cura, è necessaria un’accurata valutazione per poter correttamente stimolare i punti e i meridiani al fine di riequilibrare il flusso. Questi principi vengono applicati in metodiche come digitopressione, agopuntura, moxibustione, shiatsu, riflessologia e tai-chi-ch’uan, nel do-in e in regimi alimentari particolari, come la macrobiotica.
La medicina cinese si basa, oltre che sul concetto dl energia (yin e yang), sulla teoria dei cinque elementi (legno, fuoco, terra, metallo e acqua). Secondo le affinità analogiche (riprodotte nella tabella a fondo pagina) tutto può essere ricondotto a uno dei cinque elementi e, nello stesso tempo, tutto può essere yin o yang, tenendo presente che non esiste, nella vita, qualcosa che sia “tutto” yin o “tutto” yang, ma che ogni cosa ha una prevalenza di yin o di yang. Per esempio, il fuoco è yang e quindi tutto ciò che nella tabella sta sotto il fuoco ha caratteristiche yang (l’acqua, invece, è yin).
D’altra parte, gli organi sono yin e i visceri sono yang (i primi sono “materia”, perciò yin, i secondi, in quanto muovono e trasformano, sono yang). Così, avremo un organo cuore (quindi yin) analogico al fuoco (dunque yang), mentre il rene (organo, quindi yin) sarà analogico all’acqua (perciò ancora yin).
Queste premesse devono sempre essere prese in considerazione per stabilire dove e perché si è manifestata una certa malattia e per adottare le misure adeguate al riequilibrio.

 

*****