Crea sito

LA PROSTATA

INGROSSAMENTO DELLA PROSTATA

La prostata è una ghiandola della grandezza di una castagna, che racchiude la prima parte dell’uretra. Si trova subito sotto la vescica, davanti al retto, e viene definita “ghiandola prominente”. Essa secerne un liquido lattiginoso, che si mescola alla secrezione seminale.
In molti uomini sopra i cinquant’anni la prostata subisce un ingrossamento, le cui cause sono spesso ignote.
Se l’escrescenza arriva a restringere l’uretra, intervengono difficoltà nell’urinare. II flusso diventa più debole e l’interessato deve esercitare una pressione per riuscire a urinare. I tipici segni di una prostata ingrossata sono il gocciolamento continuo al termine della minzione e il continuo stimolo, anche notturno. In questi casi, è assolutamente necessario o consultare uno specialista.
CHE FARE? – In caso di sintomi legati alla prostata ingrossata, consultate subito uno specialista in urologia. La cura immediata non appena la ghiandola comincia a ingrossarsi, permetterà di evitare l’asportazione chirurgica della prostata.
Inoltre, ponete lenire i disturbi modificando lo stile di vita, adottando rimedi naturali  e casalinghi, migliorando la qualità della vita.
.
RIMANERE IN MOVIMENTO – Evitate di rimanere a lungo seduti e mantenete i piedi caldi: in questo modo favorirete I’irrorazione sanguigna del bacino. In caso di attività sedentaria, quindi, alzatevi di tanto in tanto e cercate di muovervi quanto più potete. Proteggetevi dall’umidità e dal freddo. Non reprimete lo stimolo a urinare, anzi, assecondatelo immediatamente. Ponete attenzione e accertatevi di aver vuotato tutta la vescica.
.
BERE CORRETTAMENTE –  Bevete 2-3 litri d’acqua al giorno, a piccole dosi. Evitate le bevande fredde ed eliminate caffè, tutti gli alcolici e le bevande addizionate con anidride carbonica.
.
CAMBIARE ALIMENTAZIONE – Evitate i cibi salati, conservati, a cui siano state aggiunte molte spezie, e sostituite la carne e gli insaccati ad alto contenuto di grassi con verdure cotte, insalate miste e crudité in pinzimonio.
Yogurt, muesli e altri alimenti ricchi di fibre sono molto utili nella regolazione della funzionalità intestinale.
.
TRATTAMENTI COADIUVANTI – La terapia medica può essere supportata da altri trattamenti coadiuvanti: sono utili i cerotti di cantaride posizionati sulle ultime vertebre lombari o i salassi.
.
Esame prostatico

TISANE MEDICINALI

FOGLIE DI ORTICA –  Versate 1/4 di litro d’acqua bollente su 2 cucchiaini di foglie e radice di ortica, lasciate riposare  5 minuti, poi filtrate. Bevetene 1 tazza 3 volte al giorno, per almeno 4 settimane.
.
SEMI DI ZUCCA – Pestate nel mortaio 1 cucchiaino di semi di zucca. Versatevi sopra 1/4 di litro d’acqua bollente, lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate.
Bevetene 1 tazza non troppo bollente 1-2 volte al giorno.
.
EPILOBIO (L’epilobio è una pianta selvatica diffusa in tutto il territorio della Siberia).
Versate 1/4 di litro d’acqua bollente su 2 cucchiaini di epilobio essiccato, lasciate riposare un quarto d’ora,poi filtrate. Bevetene 1 tazza 2 volte al giorno.
.
MISCELA DI TE’ – Mescolate foglie e radice di orticaepilobio e germogli di pioppo in parti uguali. Versate 1/4 di litro d’acqua bollente su 2 cucchiaini di tisana, lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate. Bevetene .1 tazza 3 volte al giorno.
.

L’epilobio, un rimedio naturale contro la prostatite

TERAPIE DOLCI

SEMICUPI – Per rilassare la vescica: riempite la vasca del bagno con acqua a 35-3 °C e immergetevi per 10 minuti. L’acqua deve raggiungere l’ombelico; il busto e le braccia devono restare asciutti.
.
IMPACCHI e FASCIATURE – Impacchi, fasciature, la boule dell’acqua calda, irradiazioni oltre a impacchi di argilla ventilata agiscono contro i crampi alla vescica e alle vie urinarie.
.

RIMEDI OMEOPATICI

Sabal D4, D6 contro minzione dolorosa e crampi alla vescica.
.
Ferrum picrinicum D4, D6 se la minzione è bloccata di giorno e abbondante la sera.
.
Sarsaparilla D1 in caso di crampi alla vescica.
.
Assumete 5 globuli o gocce del rimedio più indicato per i vostri disturbi, 3 volte al giorno.

UTILI FITOESTRATTI

Con alcune piante officinali i disturbi della prostata vengono curati con successo. La loro efficacia è stata messo per lungo tempo in discussione, ma i risultati sono stati documentati scientificamente.
Alcuni esempi: semi di zucca, foglie e radice di orticaepilobio e germogli di pioppo.
.

CONSIGLIO UTILE

All’ora dell’aperitivo sgranocchiate 1 manciata di semi di zucca al posto delle arachidi o delle patatine. Essi contengono una sostanza, la sitosterina, che frena la crescita della prostata.

.

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE

A– B– C– D– E – F – G– H– I– L– M– N – O – P – R – S – T – U – V