Crea sito

LE BAL DU MOULIN DE LA GALETTE (2) – Pierre-Auguste Renoir

Ballo al Moulin de la Galette (1876)
Pierre-Auguste Renoir
Parigi, Musée d’Orsay
Olio su tela, cm 131 x 175


Uno dei manifesti della pittura impressionista è quasi certamente questo capolavoro di Renoir
   

Il quadro, esposto nel 1877 alla terza mostra degli impressionisti, rappresenta, con infinita armonia e delicatezza la semplicità gioiosa dei balli domenicali, dove la spensieratezza è sovrana.

Per realizzare questo grande dipinto e lavorare indisturbato Renoir affitta uno studio in rue Cortot dove, nei sei mesi che gli serviranno per portare a termine l’opera, esegue molti schizzi e chiede ad alcuni amici di posare per lui.

All’Ordrupgaardsamlingen di Copenaghen è conservato un bozzetto, olio su tela, grande circa la metà dell’opera definitiva, che mette in evidenza il criterio di lavoro del pittore, il modo in cui disegna i personaggi relazionandoli con lo sfondo, studiando attentamente l’intensità delle luci e l’armonia tra i colori.

L’artista riesce benissimo a dare l’impressione della spontaneità e della naturalezza dei soggetti, anche se in realtà per realizzare questa composizione studia attentamente ogni dettaglio e costruisce la scena con scrupolosa puntualità.

Il “Moulin de la Galette” si trova a Montmartre vicino al “vero” mulino “Le Blue Fin” ed è a questo che deve parte del suo nome, mentre le “Galettes” sono biscotti sottili e secchi che vengono abitualmente serviti col vino dolce.

Questo caffè all’aperto è molto frequentato per i suoi balli che iniziano ogni domenica alle tre e continuano, alla luce dei lampioni a gas le cui bocce bianche dominano la parte alta del quadro, fino a mezzanotte.

Oltre a Renoir questo luogo viene riprodotto da altri pittori famosi, tra i tanti ricordo Van Gogh, Toulose-Lautrec e Picasso

Questa è la prima delle due versioni eseguite da Renoir: il secondo dipinto dopo essere stato di proprietà di Georges De Bello e successivamente di John Hay Whitney, un collezionista statunitense, il 17 maggio del 1990 è stato acquistato dal giapponese Ryoei Saito che è riuscito ad aggiudicarselo da Sotheby’s a New York, per la cifra di 78,1 milioni di dollari.

Questo quadro faceva invece parte della collezione di Gustave Caillebotte e nel 1894 entra a far parte delle raccolte dello stato francese insieme ad altre opere del lascito dell’artista.

 GLI AMICI DI RENOIR:

Pare un vero e proprio inno all’amicizia e alla gioia di vivere questa opera che il pittore propone sottolineando i momenti lieti e spensierati della giovinezza.

Tra i vari personaggi intenti nelle danze sono riconoscibili alcuni amici di Renoir, Henri Gervex, Eugène-Pierre Lestringues e Paul Lothe che poserà per l’artista altre volte nei panni di ballerino.

Marguerite Legrand (Margot), è la ballerina in rosa, il suo cavaliere è don Pedro Vedel de Solares y Cardenes.

Seduti al tavolo, nell’angolo inferiore destro si riconoscono le sorelle Estelle e Jeanne Margot, sarte di professione e occasionalmente modelle.

I tre uomini sono Georges Rivière (futuro biografo di Renoir), Norbert Goeneutte e Franc Lamy, entrambi pittori.

.

VEDI ANCHE …

PIERRE-AUGUSTE RENOIR – Vita e opere

BERTHE MORISOT – EDOUARD MANET – PIERRE-AUGUSTE RENOIR

LE BAL DU MOULIN DE LA GALETTE (1 versione)– Renoir

LE BAL DU MOULIN DE LA GALETTE (2 versione) –Renoir

DONNA D’ALGERI – ODALISQUE – Renoir

MADAME DAUDET – Renoir

DAME A LA GRENOUILLÈRE – Renoir

CLAUDE MONET CON TAVOLOZZA – Renoir

LA PRIMA USCITA (Café Concert) – Renoir

Étude – Torse, effect de soleil – Renoir

BAMBINA CON INNAFFIATOIO – Renoir

LA COLAZIONE DEI CANOTTIERI (1 versione) – Renoir

LA COLAZIONE DEI CANOTTIERI (2 versione) – Renoir

SENTIERO CHE SALE TRA LE ERBE ALTE – Renoir

DIANA CACCIATRICE – Renoir

LE BAGNANTI – Renoir

GABRIELLE CON LA ROSA – Renoir

LA LOGE (IL PALCO) – Renoir