Crea sito

VAGINITE (Vaginitis)

 

VAGINITE 

Nella vagina di una donna sana e sessualmente matura i batteri che producono acido lattico mantengono il grado di acidità a un livello costante. Se questo viene modificato, le mucose vaginali si infiammano.
La patologia si manifesta attraverso perdite biancastre o verdastre, più o meno abbondanti. Spesso, inoltre, si manifestano pruriti, bruciori o arrossamenti nella regione delle grandi labbra e dell’ingresso della vagina. La causa è un’infezione da batteri, funghi o parassiti, reazioni allergiche o tumori.
Nelle donne più anziane, Io squilibrio ormonale dovuto alla menopausa può portare a modificazioni del pH della zona vaginale e a un indebolimento delle difese immunitarie.
Nella maggior parte dei casi una vaginite scompare dopo un breve periodo di tempo, applicando un’igiene rigorosa e rimedi naturali.
Se i disturbi si protraggono, o se addirittura compare la febbre, si deve assolutamente consultare un medico.

 

CHE FARE? – I semicupi e i lavaggi di camomilla, oltre ai rimedi omeopatici, sono utili per curare la maggior parte delle vaginiti. Evitate tutto quello che può influire sul pH vaginale, come detergenti o deodoranti contenenti profumo. Lavatevi con acqua distillata e indossate solo biancheria di cotone e abiti comodi in fibre naturali. In caso di infiammazione persistente, assicuratevi di non aver infettato il vostro partner: spesso l’uomo, se infettato, non avverte disturbi, quindi con un nuovo rapporto sessuale può infettare di nuovo la propria compagna.

.

SEMICUPI E LAVANDE – I semicupi e le lavande con la camomilla leniscono i bruciori e il prurito. In caso di infiammazione batterica si consigliano più semicupi al giorno.
Attenzione: nei semicupi non aggiungete altre sostanze, per non mitigare o eliminare del tutto gli effetti lenitivi della camomilla. Per le lavande e i lavaggi sono efficaci, oltre alla camomilla, malva, lavanda, mirra e achillea.

.

AGOPUNTURA – In caso di vaginiti ricorrenti, prurito vaginale o secrezioni aspecifiche persistenti, l’agopuntura può costituire un aiuto. Particolari punti del basso ventre e altri, soprattutto sulle gambe, influenzano direttamente la vagina. Solitamente i sintomi scompaiono dopo 5-7 trattamenti di agopuntura.
L’agopuntura auricolare può essere una valida alternativa a quella corporale.

.

PERICOLO DI CONTAGIO IN PISCINA – Un luogo in cui è particolarmente facile subire infezioni da miceti vaginali sono le piscine pubbliche. In questi luoghi particolare attenzione all’igiene, facendo docce accurate prima e dopo il bagno. In caso di vaginite è consigliabile evitare completamente di frequentare piscine.

LAVANDE

 

* Per I’igiene intima quotidiana: versate una manciata di fiori di camomilla in 2 bicchieri d’aceto. Lasciate macerare per 2 settimane, poi filtrate.
 

* Contro le secrezioni aspecifiche: preparate una miscela con fiori di camomilla, di calendula, corteccia di quercia, achillea e foglie di alchemilla, in parti uguali.
Versate 3-5 cucchiaini di miscela in 1 litro d’acqua, cuocete per qualche minuto, poi filtrate,
Per uno lavanda utilizzate 1/2 litro di decotto.
 

* Contro secrezioni abbondanti con muco: versate 3-5 cucchiaini di fiori e foglie di malva
o foglie di salvia, o entrambi, in 1 litro d’acqua, poi filtrate. Per una lavanda utilizzate 1/2 litro di decotto.
 

* Contro secrezioni abbondanti con odore sgradevole: versate 3-5 cucchiaini di fiori di lavanda, mirra o curcuma, o la stessa quantità di miscela delle 3 piante, in 1 litro d’acqua, cuocete brevemente e filtrate.
Per una lavanda utilizzate 1/2 litro di decotto.
 

* Contro secrezioni dovute a batteri: per una lavanda miscelate 1 cucchiaio di aceto di vino o il succo di 3 limoni con 1/2 litro d’acqua.
 

* Contro le micosi: per una lavanda versate 3 cucchiai di fiori di camomilla in 1/2 litro d’acqua, cuocete brevemente, poi filtrate.

 

 

RIMEDI OMEOPATICI

* Kreosot D12…, Mercurius D12…, o Hepar sulfur D4 contro secrezioni con forte odore.
* Sulphur D6 contro secrezioni bianche o giallastre con odore nauseabondo e vagina infiammata.
* Sepia D10 o Lilium tigrinum D6 contro secrezioni con molto prurito.
* Staphysagria D10 contro micosi con secrezioni.
* Hydrastis D5 o Kali muriaticum D8 contro secrezioni fortemente viscose.

ALIMENTAZIONE

Evitate zuccheri, carboidrati, prodotti lievitati e succhi di frutta, che favoriscono la proliferazione dei miceti. In alternativa consumate alimenti ricchi di vitamina B6, come l’insalata.

CAMOMILLA NEI DISTURBI FEMMINILI

La camomilla è utilizzata fin dall’antichità contro i disturbi femminili e del bosso ventre.
Lo pianta esercita un effetto calmante e disinfiammante sulle mucose,dove gli oli essenziali contenuti svolgono un’azione antibatterica e disinfiammante. Inoltre la camomilla lenisce i bruciori e il fastidioso prurito, oltre a stimolare e accelerare il processo di guarigione.

 

CONSIGLIO UTILE

Se il pH vaginale ha subito delle variazioni, riequilibratelo con dei batteri produttori di acido lattico. Spalmate dello yogurt su un assorbente interno e indossatelo come di consueto. Rinnovatelo dopo 3-4 ore.

.

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE

A– B– C– D– E – F – G– H– I– L– M– N – O – P – R – S – T – U – V