Crea sito

LA FUCINA DI VULCANO (The Forge of Vulcan) – Rodriguez de Silva y Diego Velàzquez

 LA FUCINA DI VULCANO (1630)
Rodriguez de Silva y Diego Velàzquez (1599 – 1660)
Museo del Prado di Madrid
Tela cm. 223 x 290

 

Il dipinto raffigura l’episodio mitologico dell’apparizione di Apollo che, interrompendo bruscamente il lavoro della fucina, rivela a Vulcano l’adulterio commesso da sua moglie Venere con Marte.
La mitologia non rappresenta per Velàzquez un mondo eroico e soprannaturale; pur rimanendo presenti, soprattutto nella figura di Apollo, riferimenti alla bellezza classica, questi sono in evidente contrasto con la dura realtà del lavoro dei fabbri e con l’espressione dei volti: quello irritato ed estremamente vitale di Vulcano alla rivelazione del tradimento di Venere, o quello del secondo garzone a destra che, con la bocca aperta, sembra pendere dalle labbra di Apollo..
La luce modella le figure in maniera straordinaria; l’illuminazione che proviene dall’alto, da una fonte esterna alla scena, accentua la profondità dello spazio e conferisce una vivida presenza ai personaggi, che si staccano da un fondo piatto.
Velàzquez ha saputo rendere egregiamente l’ambiente della fucina, il calore del fuoco, il lavoro preciso, l’espressione realistica dei volti e degli atteggiamenti.
La figura compassata di Apollo, al contrario, sembra insolita e anche la sua aura pare artificiale; risulta evidente che per il pittore gli dèi sono esseri umani e la mitologia viene così interpretata con una sottile ironia.

Il dipinto, che fu acquistato nel 1634 da don Jeronimo de Villaneuva per conto di Filippo IV, compare nell’inventario del 1701 del Palazzo del Buen Retiro ed è segnalato in quello del Palacio Nuevo di Madrid tra il 1772 e il 1784.
Dal 1819 l’opera fa parte della collezione del Museo del Prado.

.

IL VIAGGIO IN ITALIA

.
Nel 1629 Velàzquez ottenne da Filippo IV di Spagna il permesso di compiere il suo primo viaggio in Italia.
Il pittore sbarcò a Cenava in luglio e visitò Milano, Venezia, Ferrara, Bologna, Firenze e Roma, dove soggiornò per un anno risiedendo a Villa Medici.
Durante la permanenza nella capitale dipinse LA FUCINA DI VULCANO…, GIACOBBE RICEVE LA TUNICA DI GIUSEPPE…, RISSA DI SOLDATI.
Successivamente si recò a Napoli dove si incontrò con il compatriota José de Ribera e con l’infante Doña Maria, la futura regina di Ungheria, della quale eseguì un ritratto.
Grazie all’influente sostegno del suo sovrano, Velàzquez fu introdotto nelle principali corti italiane e poté visitare gallerie e collezioni private.
La facilità con la quale aveva accesso alle diverse sedi ed i suoi contati con i personaggi più influenti dell’epoca fecero nascere il sospetto che egli fosse “in missione segreta” per conto di Filippo IV.
Qualunque sia stata la verità, resta indubbio che questo primo viaggio in Italia segnò una tappa importante nell’arte del pittore.
La conoscenza delle opere dei grandi Maestri, dei pittori veneziani del XVI secolo, di Raffaello, di Michelangelo, ma anche del classicismo dei Carracci, influenzò profondamente il suo modo di dipingere lo spazio in profondità con l’ausilio di toni più vivi e gli permise di acquisire l’importante novità dello studio dell’anatomia e della luce.
Anche per l’arte italiana, soprattutto per quella napoletana, la presenza di Velàzquez si rivelò molto proficua e contribuì a consolidare la pittura naturalista.

.

VEDI ANCHE . . . 

FILIPPO IV – Diego Velàzquez

CRISTO IN CASA DI MARTA E MARIA – Velàzquez

RITRATTO DELLA REGINA MARIANNA D’AUSTRIA – Velàzquez

LA FUCINA DI VULCANO – Diego Velàzquez

LAS MENINAS – Diego Velázquez

IL PRINCIPE BALTASAR CARLOS A CAVALLO – Velàzquez

ESOPO (Aesop) – Diego Velàzquez