Crea sito

GIOVANNI BATTISTA CAVEDALIS 

         

GIOVANNI BATTISTA CAVEDALIS 

Zuan Batiste Cavedalis

 .

Giovanni Battista Cavedalis (Spilimbergo, 19 marzo 1794 – Spilimbergo, 16 luglio 1858) è stato un patriota italiano. Nativo di Spilimbergo, nel 1848 rassegnò le dimissioni da direttore dell’ufficio ferroviario della linea Vienna-Lubiana per assumere il comando delle neocostituite forze armate del Governo Provvisorio Friulano

.

Educato nel pieno del successo del tempo napoleonico, da Spilimbergo, dove era nato in una famiglia borghese, studiò a Modena nella scuola militare fondata da Napoleone Bonaparte.

Tramontato il mito imperiale del grande Corso, passò, come tanti, nell’esercito austriaco, ufficiale sempre nostalgico delle sue prime esperienze.

Nel 1820 abbandonò l’artiglieria e, rientrato a Spilimbergo, diresse e ideò importanti lavori pubblici per il passo di Monte Croce Carnico, per gli argini del fiume Bût, per il fiume Lumiei sopra Ampezzo e per il fiume Cellina presso Cordenons.

Nel 1847 lavorava alla ferrovia Lubiana-Vienna, ma lo si trova in Friuli e a Venezia negli anni della rivolta contro l’Austria, iniziata con i moti di Vienna nel 1848.

Della resistenza di Udine nella primavera del 1848 capi l’inutilità e si ritirò nella fortezza di Osoppo, per raggiungere poi Venezia nella speranza di ottenere aiuti per gli insorti friulani.

Triumviro nel governo dittatoriale veneziano, dimostrò saggezza e realismo nella resistenza contro l’Austria: era riuscito a mettere insieme 20.000 uomini che Radetsky snidò da Marghera facilmente.

Rifiutò un passaggio per la Francia dopo la capitolazione di Venezia, depose la spada nelle mani del generale austriaco e si ritirò a Spilimbergo, sembra per ordine di Radetsky.

Dei due anni di “rivolta” 1848-1849 fu un autentico protagonista: e ne lasciò otto libri di memorie, i “Commentari della storia della guerra degli anni 1848-49”.

Una documentazione certamente da autoapologia, ma ugualmente ricca di notizie sul “quarantevot furlan” (quarantotto friulano).

.

VEDI ANCHE . . . .

TRANQUILLO MARANGONI (Incisore friulano)

VIRGILIO TRAMONTIN (Incisore, pittore, disegnatore)

GIOVANNI BATTISTA CAVEDALIS (Ingegnere ferroviario)

GIULIO ANDREA PIRONA (Vocabolario Friulano)

TEOBALDO CICONI – Poeta, commediografo drammatico e autore teatrale

FRANCESCO DI MANZANO – Storiografo e pittore friulano

VINCENZO JOPPI (Medico e bibliotecario italiano)

IRENE DA SPILIMBERGO (Pittrice friulana)

PACIFICO VALUSSI (Giornalista e politico)

JACOPO TOMADINI (Sacerdote musicista)

FRANCESCO TOMADINI – (Filantropico cristiano)

CATERINA PERCOTO )Scrittrice di novelle e racconti in lingua friulana)

PROSPERO ANTONINI (Storico e patriota italiano)

VALENTINO OSTERMANN (Il primo folclorista friulano)

GRAZIADIO ISAIA ASCOLI (Linguista friulano)

GABRIELE LUIGI PECILE (Agronomo e politico italiano)

ANTONIO ANDREUZZI (Patriota friulano)

GIACOMO CECONI (Architetto friulano)

GIOVANNI MARINELLI (Geografo italiano)

OLINTO MARINELLI (Geografo friulano)

ARTURO MALIGNANI (Applicazioni in Friuli dell’energia elettrica)

RAIMONDO D’ARONCO e la sua opera liberty

BONALDO STRINGHER (Politico ed economista)

DOMENICO PECILE (Agronomo)

ANTONIO BATTISTELLA (Storiografo friulano)

PIETRO ZORUTTI – Poeta friulano

MICHELANGELO GRIGOLETTI (Pittore friulano)

LEONARDO ANDERVOLTI – Condottiero friulano nel Risorgimento – Lotta per la libertà

TINA MODOTTI (Fotografa)

GAE AULENTI (Architetta)

ADELAIDE RISTORI – Attrice di teatro