Crea sito

VIAGGIO IN AUSTRALIA (Travel to Australia) – James Cook

VIAGGIO IN AUSTRALIA

JAMES COOK 

La nave inglese lasciò le Isole della Società, e il 25 agosto venne festeggiato il primo anno di navigazione. Dal 10 settembre al 7 s’affrontò una spaventosa tempesta oceanica e finalmente si vide terra. James Cook fece il punto e scoprì di essere giunto in quella terra vasta e ancora semisconosciuta appena intravista dall’esploratore Abel Tasman, e s’accinse a rilevare con il consueto scrupolo i suoi contorni e la sua natura. Cook, nei suoi piani, desiderava, come sappiamo, scoprire l’eventuale esistenza del mitico Continente Australe ma la sosta in Nuova Zelanda non escludeva affatto il proseguimento della ricerca. Così l’esploratore inglese si accinse ai suoi lavori annotando nel James Cook:
“Le istruzioni avute dalla Società Geografica mi dicevano: ‘Viaggiate verso sud per scoprire il continente, se non arrivate a vedere il minimo indizio di terra cercate il continente in direzione ovest, fra 40° e 35° fino a scoprirlo. Se non scoprite il continente, stabilite la posizione geografica della Nuova Zelanda nel modo più esatto ed investigatene più che potete le coste!”.

Queste istruzioni – malgrado la forte ostilità, delle genti locali, i Maori, la stagione poco propizia, i venti fortissimi e gli ancoraggi sempre poco sicuri – furono adempiute alla perfezione.

Dalla metà di settembre del 1769 al 31 marzo 1770 l’esploratore inglese e i suoi collaboratori circumnavigarono tutta la costa neozelandese, potendo così avere la prova certa che queste terre formavano due grandi isole. E il sabato 31 marzo 1770 alle prime luci dell’alba Cook ordinò di mettere alla vela l’Endeayour e far rotta verso l’Australia approfittando del vento di sud-ovest, che aveva cominciato a soffiare fresco e teso.

Il 19 aprile 1770 verrà avvistata la terra verso la quale Cook stava navigando; per 10 giorni, poi, la nave inglese risalì la costa australiana alla ricerca di un buon ancoraggio, che venne trovato il 28 di aprile 1770. Una lapide in bronzo ricorda ora il punto ove questo ancoraggio venne trovato nella sconfinata baia a sud di Sidney, chiamata poi Botany Bay. Una lapide riporta la frase del James Cook a proposito di questa scoperta:
“Sabato 28 aprile 1770. Oggi alle prime luci dell’alba abbiamo scoperto una baia e abbiamo ancorato nel suo lato a sud a circa due miglia dal Capo in circa sei piedi di acqua”.
Nella Botany Bay Cook si trattenne a lungo e solo dopo aver compiuto numerosi rilevamenti si spinse poi più a nord sino a due baie che egli chiamò l’una di Moreton e l’altra della Trinità, ove giunse il 10 giugno.

.
.
.