Crea sito

G – ERBE MEDICINALI – FITOTERAPIA

.

G – ERBE MEDICINALI – FITOTERAPIA

.

GELSO – Appartiene alla famiglia delle Moracee, corre il fico, e se ne conoscono due tipi: il gelso bianco e il gelso nero, che è quello usato in medicina e che ha infruttescenze di colore rosso bruno, di sapore acidulo, che si raccolgono a maturazione e sono ricche di zucchero, acidi, peptina, sali e gomma.
Ha proprietà lassative, espettoranti e purificanti. Serve anche come curativo esterno nelle affezioni dermatologiche.
.
GENZIANA (VEDI SCHEDA) – La genziana è una pianta medicinale che cresce in alta montagna, ed è diffusa in tutta Italia. Ha un unico stelo da cui nascono larghe foglie di un bel verde intenso; fiorisce in estate e i suoi fiori sono raccolti in mazzetti gialli.
Per scopi medici se ne estrae la radice che viene seccata al sole. È ricca di principi attivi che le conferiscono il suo caratteristico gusto amarognolo e i suoi poteri tonici e stimolanti dell’apparato digerente, per cui viene indicata ai dispeptici, agli inappetenti e nelle atonie intestinali; svolge anche una funzione febbrifuga e vermifuga specialmente per i bambini.
Trova benefiche applicazioni per schiarire la pelle.
Costituisce anche un ottimo aperitivo che stimola I’appetito.
.
GINEPRO – Appartiene alla famiglia delle Conifere. È una pianta sporadica che cresce nei luoghi incolti e nelle brughiere, con arbusti a piccole foglie aghiformi, e fiori di color rosso di cui si originano bacche nere che maturano ad anni alterni. Esse vengono raccolte in autunno e hanno un valido impiego in medicina in quanto contengono zuccheri, acidi vegetali, resine e un olio vegetale aromatico.
Possiede un’efficace azione balsamica, diuretica in quanto selve ad eliminare gli acidi urici, e sudorifera, ed è perciò indicata nelle malattie dell’apparato respiratorio come asma e bronchiti, e nei dolori reumatici.
.
GINESTRA (VEDI SCHEDA) Nasce in luoghi aridi, pietrosi e assolati. I fiori sono grandi, gialli, odorosi e raccolti in grappoli terminali; fioriscono da maggio a giugno. In medicina si utilizzano in prevalenza i fiori, ma tutta la pianta è però utile perché contiene un alcaloide, la sparteina, che ha un’azione stimolante sul sistema nervoso centrale e sul cuore.
Serve soprattutto come potente emostatico con azione simile all’adrenalina, anche se le proprietà tossiche di quest’ultima sono maggiori.
I principi attivi della ginestra. come la scoparina, ne fanno un potente diuretico molto efficace per gli idropici.
I fiori sono utili come cataplasmi per la cura di ascesi e ghiandole infiammate.
.
GIRASOLE – È un erba annua con grandi fiori gialli e può raggiungere l’altezza di due metri.
Viene coltivato sia per scopo ornamentale sia e soprattutto per trarne oli vegetali, e infine come foraggio per il bestiame Si hanno vaste coltivazioni in Turchia, in Russia e nell’Europa dell’est.
In medicina i girasoli sono usati contro i dolori di stomaco e contro i raffreddori, mentre il decotto ha proprietà diuretiche stimolanti, essudative, per cui viene consigliato ai malati di pleurite.
Costituisce un ottimo febbrifugo per i bambini non avendo influenza negativa sul cuore.
.
GIUSQUIAMO – Appartiene al genere delle Solanacee.La specie più nota e importante è quella nera.
È un erba assai diffusa nel vecchio continente, lungo le strade, intorno alle case di campagna, nei ruderi; ha foglie ricche di peli ghiandolosi, fiori di colore giallo violaceo, con vene più scure e frutto capsulare. Se ne utilizzano le foglie e i semi essiccati all’ombra.
Ha una potente azione narcotica, calmante e antispastica; si usa molto per la carie, per il mal di denti, e ha un sicuro effetto essudativo anche per i nevrastenici e per coloro che soffrono di dolori reumatici.


.
GRAMIGNA – Della famiglia delle Graminacee, è un’erba molto comune che si trova ovunque nei terreni incolti, ha fiorellini verdastri e foglie lunghe e sottili.
In medicina se ne raccolgono le radici che vengono seccate. È molto ricca di zuccheri come il glucosio e il levulosio, di fecola di trictina, di gomma, di sali di potassio e di nitro.
Per queste sue proprietà viene indicata ai malati di coliche di fegato, e nelle malattie vescicali perché depurativa e diuretica.
.
GRANOTURCO (VEDI SCHEDA) Come alimento, il granoturco non differisce dagli altri cereali (frumento, riso, segale, orzo, miglio, sorgo, avena, ecc.) se non per le proporzioni dei vari contenuti: amido, proteine, grassi e zuccheri vari. Lo mangiamo preparato in mille modi diversi (bollito, arrostito, nella polenta, ecc.) e viene largamente impiegato come foraggio. I messicani ne ricavano delle bevande alcooliche (per esempio la chicha). Le pannocchie sono ravvolte da una rete di filamenti che chiamiamo volgarmente barbe o capelli del granoturco, ma che sono in realtà i lunghi stimmi residui dei fiori (una parte dell’apparato riproduttivo femminile). Queste “barbe”, a parer mio, sono uno dei migliori calmanti e diuretici che la natura ci offra. Si possono adoperare senza riserva alcuna perché non irritano mai né lo stomaco, né l’intestino, né l’apparato urinario. Hanno il potere di calmare i dolori più violenti provocati da coliche renali, calcoli della vescica, cistiti, reumatismi e gotta, agendo anche in profondità contro le cause di questi malanni. Stimolando I’evacuazione delle urine, depurano l’organismo e lo liberano dalle tossine accumulate, alleviano lo sforzo del cuore e del fegato e stimolano il funzionamento di tutti gli organi, cervello compreso. Sono validissime coadiutrici del medico, non solamente nella cura delle affezioni del sistema urinario (calcoli, edemi, ecc.), ma anche di quelle che generano intossicazioni (come le malattie infettive). Non esito a consigliarne una cura periodica anche a coloro che godono di buona salute.

.

GINESTRA

.

VEDI QUI

ERBE MEDICINALI – FITOTERAPIA (INTRODUZIONE)

.

ERBE MEDICINALI – FITOTERAPIA

A – B – C – D – E – F – GHI – K – L – M – N – O – P – Q – RST – U – VZ

.

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE

A– B– C– D– E – F – G– H– I– L– M– N – O – P – R – S – T – U – V

.

NB Le mie indicazioni non intendono in alcun modo sostituirsi al parere di medici o di altre figure sanitarie preposte alla corretta interpretazione dei sintomi. Le informazioni contenute in questa pagina sono presentate a solo scopo informativo.