Crea sito

CURARSI COL TRIFOGLIO (Trifolium pratense) – Curing with Clover Red

IL TRIFOGLIO 

Trifolium pratense

.

Nel Medioevo il trifoglio era venerato perché si pensava che le sue foglie simboleggiassero la Trinità. Il più raro quadrifoglio, considerato un portafortuna, era invece usato per i filtri d’amore.
Il trifoglio nella cura delle affezioni cutanee.
.
BOTANICA – Il trifoglio è una pianta molto diffusa, appartenente alla famiglia delle Papilionacee. Il suo fusto può raggiungere un’altezza di 35 cm e ha foglie ovali; i suoi fiori, di colore rosa scuro o viola, sono dolciastri e molto ricchi di nettare.
.
HABITAT – Il trifoglio rosso cresce spontaneamente in quasi tutti i paesi europei e in Asia Minore; in America, invece, è stato acclimatato. Cresce nei prati, nei pascoli e nei campi, ma lo si può trovare spesso lungo i cigli delle strade. Grazie al suo alto contenuto di proteine, è molto utilizzato come foraggio.
.
PARTI UTILI – Per scopo officinale vengono usate soltanto le infiorescenze a capolino intere ed essiccate.
.
COMPOSIZIONE – I fiori sono ricchi di tannini che hanno proprietà astringenti e antinfiammatorie sui tessuti. Inoltre, contengono tracce di oli essenziali, vari glucosidi, flavonoidi e composti di fenolo.
.
INDICAZIONI TERAPEUTICHE – Grazie alla presenza di tannini che svolgono un’azione rinforzante sui tessuti, il trifoglio rosso è un ottimo rimedio contro le infiammazioni della mucosa intestinale e la conseguente dissenteria. Inoltre, viene utilizzato nella cura delle affezioni croniche della pelle come gli eczemi e la psoriasi.
Impiegato per uso esterno aiuta a guarire varici ulcere. La medicina popolare considera il trifoglio rosso un ottimo stimolante dell’appetito e, quindi, un buon ricostituente dopo una malattia o un’operazione chirurgica; inoltre, depura il sangue dalle scorie.
L’infuso è consigliato nella cura delle affezioni dei bronchi e per dare sollievo a tosse e a pertosse.
Per attenuare le secrezioni vaginali biancastre sono utili dei semicupi a base di trifoglio rosso.
.

.

APPLICAZIONI

.
INFUSO –  Versate 1/4 di litro d’acqua bollente su 5-6 infiorescenze essiccate e lasciate in infusione per 15 minuti. Bevetene una tazza 2-3 volte al giorno, se preferite addolcendola con il miele.
.
CURA – Per depurare il sangue dalle scorie bevete 2-3 tazze al giorno di tisana di fiori freschi per un periodo di 4-6 settimane.
.
COMPRESSE e IMPACCHI – Per accelerare il processo di guarigione delle ferite applicate più volte al giorno compresse di tisana di trifoglio sulle parti interessate o avvolgetele con impacchi umidi.
.
SEMICUPI e LAVANDE – Versate 1 litro d’acqua bollente su 2 cucchiai di fiori essiccati, lasciate in infusione per 10 minuti e poi filtrate. Usate l’infuso per lavande o per semicupi di 15 minuti.
Sono utili anche delle miscele, in parti uguali, di trifoglio, di camomilla e di alchimilla.
.
PREPARATI GIÀ PRONTI – Nelle farmacie potete acquistare estratti liquidi e tinture di trifoglio.
.

.

CONSIGLIO UTILE 

.
Il trifoglio bianco, appartenente alla stessa famiglia, ho simili proprietà terapeutiche. Per scopo officinale vengono utilizzate le infiorescenze a capolino.
.
.

VEDI QUI

ERBE MEDICINALI – FITOTERAPIA (INTRODUZIONE)

.

ERBE MEDICINALI – FITOTERAPIA

A – B – C – D – E – F – GHI – K – L – M – N – O – P – Q – RST – U – VZ

.

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE

A– B– C– D– E – F – G– H– I– L– M– N – O – P – R – S – T – U – V

.

NB Le mie indicazioni non intendono in alcun modo sostituirsi al parere di medici o di altre figure sanitarie preposte alla corretta interpretazione dei sintomi. Le informazioni contenute in questa pagina sono presentate a solo scopo informativo.